24.03.2014

Sentenza Corte di Cassazione 4 marzo 2014, n. 10265

Si tratta di una ulteriore decisione restrittiva e rigida della Cassazione in tema di Decreto “231”. In sostanza la Corte afferma che – se l’azienda ha tratto vantaggio dal reato del dipendente – la stessa azienda è comunque responsabile sulla base del D.lgs. 231/2001. Tale responsabilità non viene meno se manca la prova che l’autore del reato abbia voluto perseguire – insieme al proprio – anche l’interesse dell’Ente. In altre parole, la responsabilità della società sussiste anche quando, perseguendo il proprio autonomo interesse, l’autore del reato abbia oggettivamente realizzato anche il vantaggio dell’Ente.

Back to list