22.09.2014

18 Settembre 2014: sentenza della cassazione sul caso Thyssen

Depositata il 18 settembre 2014, la sentenza n. 38343/2014 delle Sezioni Unite Penali della Corte di Cassazione interviene in modo molto approfondito – si tratta di ben 211 pagine – sulle varie problematiche giuridiche poste nell’ambito del caso “Thyssen”, riguardante il noto e tragico incidente verificatosi nel dicembre 2007 presso l’acciaieria torinese.
Come era prevedibile, la sentenza affronta molto ampiamente (pp. 154-188) la tematica del dolo eventuale e della sua distinzione dalla colpa, particolarmente nei reati omissivi.
Confermando la sentenza di appello – ed in difformità invece rispetto alla tesi sostenuta dalla Procura e dal Tribunale di Torino – la Cassazione esclude che in concreto sia ravvisabile, nella condotta degli imputati, il dolo eventuale.
A tale conclusione la Corte giunge al termine di una analisi straordinariamente approfondita di tale istituto, definibile, secondo la Cassazione, come “volontà indiretta o per analogia” (p. 183).
Anche altri argomenti vengono esaminati in dettaglio.
E’ il caso, solo a titolo di esempio, della figura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, il quale – secondo la Cassazione – è titolare di una “posizione di garanzia” (pp. 116-117).
I complicati rapporti fra causalità e colpa sono infine approfonditi in profondità (pp. 131 e ss.), nel quadro di un approccio sempre ispirato al fondamentale criterio secondo il quale il diritto penale deve andare alla ricerca di responsabilità, non di “capri espiatori” (op. 106).

Back to list