26.11.2013

“La valutazione del danno sanitario tra legislazione nazionale e regionale”

Luciano Butti, Attilio Balestreri,
Ambiente & Sicurezza – inserto ILVA, Il Sole 24 Ore, 2013, n. 21/22, p. XXIV.

Il decreto legge 3 dicembre 2012, n. 207, convertito, con modificazioni, nella legge 24 dicembre 2012, n.231 (cosiddetto “decreto salva ILVA”), successivamente a una legge regionale della Regione Puglia 24 luglio 2012, n. 21, ha introdotto la necessità di prevedere criteri metodologici per la redazione del rapporto di valutazione del danno sanitario, tanto per gli stabilimenti di interesse strategico nazionale, quanto, più specificatamente, per lo stabilimento ILVA di Taranto. Come diretta conseguenza, il recente D.M. 24 aprile 2013 ha introdotto criteri metodologici utili per la redazione del rapporto e il decreto-legge n. 61/2013 (cosiddetto “salva ILVA-bis”) ha cercato di chiarire i difficili rapporti tra normativa regionale e nazionale sul tema. La complessità e i non chiari rapporti tra le nuove discipline richiedono di evidenziarne gli aspetti salienti.

Back to list