08.04.2014

“Acque di falda emunte e bonifiche: il nuovo parere del Consiglio di Stato”

Federico Peres,
Ambiente & Sicurezza, New Business Media, 2014, n. 7, p. 70.

Con la sentenza n. 5857/2013, il Consiglio di Stato è intervenuto nuovamente sulla tema della qualifica delle acque di falda emunte nel corso degli interventi di bonifica, rovesciando una sua precedente posizione del 2009 e aderendo alla qualifica delle stesse come “rifiuti”. Questa pronuncia, dando implicitamente atto della legislazione sopravvenuta (nella fattispecie, l’art. 243 della legge di conversione del “decreto del fare”), senza peraltro soffermarsi a esaminarla, offre il pretesto per un’analisi sul tema, finalizzata a verificare se gli argomenti spesi dal Collegio possano dirsi superati dal nuovo testo normativo.

Back to list