17.06.2015

“Rifiuti. Inosservanza delle prescrizioni autorizzative e principio di offensività”

Attilio Balestreri,
Ambiente & Sicurezza, New Business Media, 2015, n. 11, p. 94.

Nota a sentenza Cassazione penale, sez. III, 13 marzo 2015, n. 10732.
Il reato di cui all’art. 256, comma 4, d.lgs. n. 152/2006 è reato formale di pericolo integrato dall’esercizio dell’attività in violazione delle prescrizioni autorizzative. Non è dunque richiesto che la condotta sia anche idonea a configurare una situazione di concreto pregiudizio per l’ambiente. Questi i principali assunti della sentenza commentata, resa in un caso in cui la difesa dell’imputato aveva dimostrato l’insussistenza di pregiudizio concreto per l’ambiente e la possibilità dell’impianto di operare correttamente anche oltre i limiti previsti nell’autorizzazione. Nella sentenza, la Suprema Corte si sofferma anche sul principio di offensività statuendo che esso non risulterebbe violato da tale interpretazione del disposto normativo.

Per la versione integrale della Rivista clicca qui.

Back to list