10.08.2016

“Scarichi di acque reflue. Limiti”

Eleonora Malavasi,
Ambiente & Sicurezza, New Business Media, 2016, n. 15, p. 110.

Nota a sentenza Consiglio di Stato, sezione V, 3 marzo 2016, n. 1686, pres. Caringella, est. Caputo.
Gli artt. 124, comma 10, e 101, comma 1, del d.lg. 2 aprile 2006 n. 152 designano un corpo normativo inteso ad assicurare la permanente e progressiva adeguatezza degli scarichi prodotti dagli insediamenti produttivi ai c.d. valori limite che, in ragione di fattori sopravvenuti (atmosferici, climatici o tecnici), si rendano necessari per salvaguardare la tutela dell’ambiente. Pertanto, i limiti alle sostanza presenti negli scarichi non sono fissi o rigidamente stabiliti una volta per tutti al momento del rilascio dell’autorizzazione allo scarico.

Back to list