05.10.2017

Il “Decreto Mezzogiorno” modifica le disposizioni in tema di classificazione dei rifiuti

Il decreto legge n. 91/2017 recante “Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno” (vigente dal 21 giugno 2017), convertito con legge n. 123/2017 in vigore dal 13 agosto scorso, sancisce la prevalenza delle norme comunitarie in materia di classificazione rifiuti su quelle nazionali. L’art. 9 decreto legge n. 91/2017 ha infatti sostituito i numeri da 1 a 7 delle premesse dell’allegato D alla Parte Quarta (Elenco dei rifiuti) del d.lg. n. 152/2006 con un nuovo e unico numero, che dispone: “1. La classificazione dei rifiuti è effettuata dal produttore assegnando ad essi il competente codice Cer ed applicando le disposizioni contenute nella decisione 2014/955/Ue e nel regolamento (Ue) n. 1357/2014 della Commissione, del 18 dicembre 2014”. La legge di conversione n. 123/2017 ha poi introdotto un ulteriore riferimento al regolamento 2017/997/UE, che disciplina la caratteristica di pericolo “HP 14 Ecotossico”.

Back to list