06.01.2004

“La legge 306/2003 delega il Governo per l’attuazione della direttiva IPPC”

Luciano Butti
Ambiente & sicurezza, Il Sole 24Ore, 2004, n. 1, p. 23

L’art. 22 della Comunitaria 2003 ha delegato il Governo alla completa attuazione della direttiva 96/61/CE (IPPC), al fine di colmare la lacuna legislativa del D.Lgs. n.372/1999. In particolare, dovrebbero essere estese le disposizioni vigenti, limitate agli impianti industriali esistenti, ai nuovi impianti e a quelli sostanzialmente modificati, anche tenendo conto di quanto previsto dalla Finanziaria 2003. Inoltre, dovrebbe essere fornita un’indicazione esemplificativa delle autorizzazioni già in atto, da considerare assorbite nell’autorizzazione integrata, mentre dovrebbe essere realizzato un adeguamento delle previsioni di cui agli articoli 216 e 217, Testo unico delle leggi sanitarie, di cui al regio decreto 27 luglio 1934, n.1265, alla normativa nazionale e comunitaria in materia di autorizzazione integrata ambientale. L’art. 16, legge n.306/2003, infine, esclude dalla disciplina IPPC gli impianti di recupero di rifiuti non pericolosi.

Torna all'elenco