17.02.2016

“Danno ambientale. Sequestro conservativo a garanzia de risarcimento pecuniario”

Alessandro Kiniger,
Ambiente & Sicurezza, New Business Media, 2016, n. 3, p. 112.

Nota a sentenza Cassazione penale, sez. III, 6 novembre 2015, n. 44638, Pres. Mannino, est. Amoresano.
In tema di danno ambientale, per quanto l’art. 311 del d.lg. n. 152/2006 preveda in via principale e prioritaria l’imposizione di misure ripristinatorie e riparatorie, è legittimo, in sede cautelare penale, il ricorso al sequestro conservativo dei beni, al fine di evitare la dispersione delle garanzie di risarcimento pecuniario del danno cagionato dall’imputato.

Torna all'elenco