11.05.2010

“Ceneri di pirite: per la Consulta non sono sottoprodotti”

Luciano Butti, Federico Peres,
Ambiente & Sicurezza, Il Sole 24 Ore, 2010, n. 9, p. 91.

La corte costituzionale, con la sentenza 29 gennaio 2010, n. 28, ha dichiarato illegittimo l’inquadramento delle ceneri di pirite, espressamente qualificate come sottoprodotti dal D.Lgs. n. 152/2006, successivamente modificato dal D.Lgs. n. 4/2008. Questa decisione è stata presa nel rispetto, in particolare, della direttiva comunitaria 2008/98/CE, che ha introdotto, per la prima volta in ambito comunitario, la definizione di sottoprodotto e che impone un accertamento complesso al fine di qualificare o meno un materiale come rifiuto. La decisione della Corte costituzionale, inoltre, non si limita a rifiutare l’attuale qualifica delle ceneri di pirite come sottoprodotti, ma contiene anche alcuni interessanti aspetti di carattere generale relativi al potere dei giudici di applicare direttamente le norme europee e gli effetti delle decisioni della Consulta in materia penale.

Torna all'elenco