11.06.2013

“Sui siti di interesse nazionale la parola d’ordine è riduzione”

Alessandro Kiniger,
Ambiente & Sicurezza, Il Sole 24 Ore, 2013, n. 11, p. 72.

Preso atto delle criticità connesse all’inclusione di una determinata area all’interno della perimetrazione di un SIN (siti di interesse nazionale), con il D.M. 11 gennaio 2013, è stato ridotto il numero dei siti di competenza ministeriale, permettendo di porre le basi per superare l’estrema lentezza che da molti anni limita i procedimenti di bonifica e, parallelamente, lo sviluppo, soprattutto industriale, di importanti aree del territorio italiano. Accanto alla riduzione del numero dei SIN, sulla base della facoltà concessa alle regioni di proporre al Ministero dell’Ambiente una revisione dei loro perimetri, tra la fine del 2012 e i primi mesi del 2013 si sono registrate le prime deliberazioni regionali contenenti significative proposte di riperimetrazione.

Torna all'elenco