25.11.2015

“Sul nuovo delitto di omessa bonifica ancora tanti i punti da chiarire”

Luciano Butti, Federico Peres,
Ambiente & Sicurezza, New Business Media, 2015, n. 22, p. 77.

Nell’attesa delle prime pronunce della giurisprudenza è necessario continuare a ragionare sul nuovo reato di “omessa bonifica” (art. 452-terdecies, codice penale) che, tra i nuovi delitti in campo ambientale introdotti dalla legge n. 68/2015, appare quello di più controversa interpretazione. Necessario partire dagli aspetti più critici come l’individuazione del soggetto attivo, la componente oggettiva e quella soggettiva nonchè chiarire in cosa consista quella “bonifica” la cui omessa realizzazione genera la responsabilità penale per il nuovo delitto.

Per la versione integrale della Rivista clicca qui.

Torna all'elenco