03.09.2018

“Rifiuti urbani e assimilati: no privativa, ma convenzioni con il Comune”

Attilio Balestreri,
Ambiente & Sicurezza, New Business Media, 2018, n. 8, p. 111.

Nota a sentenza TAR Sicilia (Catania), sezione I, 12 giugno 2018, n. 1253.
L’attività del privato di raccolta del rifiuto urbano per destinarlo a recupero è possibile, in quanto esclusa dal regime di privativa. Tuttavia, questa attività deve inserirsi all’interno del circuito complessivo di gestione del rifiuto urbano e, pertanto, ai fini della sua ammissibilità, deve essere previamente regolamentata e fatta oggetto di convenzione con il Comune, in coerenza con il sistema integrato voluto dal testo unico ambientale.

Torna all'elenco