26.05.2021

Una Corte olandese condanna il gruppo Shell a rendere più stringenti i propri piani di riduzione delle emissioni: è l’inizio di una nuova tendenza giudiziaria?

Il 26 maggio 2021 la Corte Distrettuale dell’AIA lo ha deciso: la Compagnia petrolifera SHELL – sia direttamente che tramite le società del gruppo – dovrà contenere il volume annuo aggregato di emissioni di CO2 in atmosfera dovute alle operazioni commerciali e alla vendita di prodotti che trasportano energia del gruppo Shell. E dovrà farlo in misura tale che tale volume si riduca di almeno il 45% entro la fine del 2030, rispetto ai livelli del 2019.
In allegato la B&P News predisposta da Luciano Butti con alcune riflessioni sul tema.

Torna all'elenco